Storia

Il 1956 è l’anno in cui nacquero Sergio e la Pasticceria Buralli.
Chi l’avrebbe detto che un giorno sarebbero diventati una cosa sola.

Negli anni a venire, Giulio e Maria gettarono le basi per la loro attività in Piazza del Carmine. Sergio, lavorando sotto la guida del maestro Otello, proprietario di un’antica dolceria lucchese, all’età di 14 anni s’innamorò dell’arte bianca.
Che la pasticceria sarebbe stata la sua più grande passione lo si era immaginato.
L’aver incontrato Monica, sua moglie, fu un colpo di fulmine sotto tutti i punti di vista. Giulio, padre di Monica, trasmise a Sergio tutti i suoi saperi, che lo arricchirono e gli dettero l’esperienza per poter iniziare la sua ascesa come grande pasticcere.
Intere schiere di cittadini sono passate dal ritrovo storico in Piazza del Carmine, dove allora la presenza del mercato era il fulcro del commercio lucchese. Ogni occasione era valida per essere celebrata con le loro bontà. La produzione aumento’ a dismisura negli anni ‘80 e ’90, di pari passo a nuove sperimentazioni che ne aumentarono la notorietà e il prestigio.
Sergio tuttavia voleva aggiudicarsi una fetta di torta ben più grande, che si concretizzò nel 2009 con la nascita di un nuovo punto vendita al di fuori del centro storico. Il locale, con annesso il laboratorio, è diventato fin da subito ritrovo e attrazione per la clientela lucchese e non solo.
In 60 anni di attività cambiano le dimensioni dell’azienda ma restano inalterati i suoi punti di forza: la genuinità delle materie prime, i prodotti di primissima scelta, le lavorazioni tradizionali con la giusta proporzione e l’attenta cottura, la ricercatezza del gusto e la cura dei dettagli nella presentazione.
Per ultima ma non meno importante è la dedizione di tutta la famiglia, con la presenza della terza generazione, i figli Eleonora e Federico.